Announcement

Collapse
No announcement yet.

Ancora su modelli "difficili".

Collapse
X
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • Ancora su modelli "difficili".

    Buongiorno, sono nuovo su questo forum e scusate se faccio o dico qualche stupidaggine.
    Il mio problema è la creazione di un buon dataset di foto su oggetti che presentano parti di legno lucido o di ottone, si tratto di strumenti scientifici antichi per i quali la modellazione permetterebbe, visto il blocco dei musei, la visione via web.
    Spruzzare le parti per renderle opache o sporcarle di polvere, talco o gesso, sono poco proponibili per questi oggetti delicati.
    Ma la mia domanda è questa: ammesso che potessi sporcare ben bene il basamento nero lucido del mio modello del '700, come posso, poi, creare la texture corretta se le foto lo ritraggono comunque sporco?
    Per questi oggetti ho costruito un turntable robusto e ho comprato una serie di sfondi fotografici bianchi e neri, con i quali potere riprendere foto "facilmente" mascherabili.
    Ho appena acquistato Lite e lo trovo perfetto per questo lavoro, per altro ho facilmente creato il primo modello a partire da un busto di gesso che ritrae il fondatore del museo, scattando una sessantina di foto, senza badare tanto alla qualità, girandogli intorno, quindi senza mascherare.
    Scusate per la lunghezza.

  • #2
    Salve satellitepro,

    grazie per l'acquisto! Tutte le domande sono sempre benvenute!

    In questo caso sarebbe necessario usare qualcosa di non invasivo, e la procedura diventa piu' complessa, in modo particolare se si usa un turntable: quando si vuole arricchire un soggetto di feature in modo non distruttivo, si puo' usare un pattern proiettato, ma attenzione appunto in caso di turntable, poiche' la luce deve muoversi coerentemente con il soggetto ( https://www.youtube.com/watch?v=E06kgYBftak minuto 4:20 un esempio di questa tecnica).

    In realta' essendo legno, non dovrebbero esserci grossi problemi. E' vero, se e' lucido bisogna fare attenzione ai riflessi, ma usando due filtri polarizzati a 90° dovrebbe riuscire a eliminare il problema dei riflessi e ottenere fotografie adatte. Per la base pero' (che mi sembra di capire essere di un altro materiale, uniforme e nero) le cose appunto si complicano e potrebbe essere necessario usare qualche tecnica come sporcarlo (che perdera' texture) o pattern proiettati.

    Se vuole condividere con noi qualche foto all'indirizzo support@3dflow.net saremo felici di darle indicazioni piu' precise in base al soggetto stesso!

    Comment


    • #3
      Grazie per la cortesia, cosa devo fare per mandarle qualche scatto?
      Cioè lo faccio da dove sto scrivendo o c'è un altro modo.

      Comment


      • #4
        nessun problema si figuri!

        puo' inviarmele con qualsiasi servizio di terze parti (per esempio wetransfer) all'indirizzo support@3dflow.net (meglio se tutto il dataset) oppure puo' condividere, sempre in privato per email, un link di download per esempio con dropbox o gdrive

        Comment


        • #5
          Grazie per la disponibilità.
          Mi sono reso conto che il dataset è piuttosto pesante da inviare da casa, si tratta di 135 jpg ad alta risoluzione, uno zip di quasi due giga.
          Le potrei mandare qualche ripresa, fatta a quote diverse, per capire il problema, tanto ho messo in conto di rifare tutte le foto.
          Che ne pensa?

          Comment


          • #6
            Salve,

            2GB non sono molti, per noi non c'e' nessun problema, riceviamo regolarmente dataset molto piu' grossi

            Purtroppo un dataset parziale non ci permette di dare un giudizio sul dataset completo e rischierei di darle dei consigli fuorvianti quindi preferirei tutto il dataset se possibile. Se pero' e' impossibilitato da inviare tutto il set, mandi pure quello che riesce, tenendo a mente che il nostro feedback sara' parziale.

            Comment


            • #7
              Buonasera, visto che ho rimodulato l'intervento di ripresa fotografica, ho ottenuto il permesso di fotografare il globo fuori dalla sua culla di legno, trovo inutile mandare il dataset attuale perchè lo ritengo da scartare.
              Le invio comunque un paio di scatti e i risultati della modellazione, per permetterle di farsi una idea del lavoro.

              Comment


              • #8
                Buongiorno, sempre riguardo al progetto del globo terrestre ho programmato la riprese, dei tre elementi che lo costituiscono, in modo separato.
                Smonterò, e fotograferò, il globo nelle tre parti essenziali cioè il globo, il meridiano (l'anello di ottone che lo regge) e la culla di legno che racchiude il tutto.
                Ma mi è venuto un dubbio: come faccio ad unire i tre modelli texturizzati per creare un oggetto unico?

                Comment


                • #9
                  Ho seguito diversi tutorial che trovi su You tube per ottenere il 3D di oggetti che stai facendo. Sono legati a un software che non cito qui in pubblico, ma i consigli credo valgano universalmente a ogni programma che usi. In sintesi quelli che ricordo sono questi:
                  1) una orbitale è meglio affiancarla a una seconda ripresa dall'alto con un certo grado di inquadartura per prendere anche, diciamo la parte alta dell'oggetto che con l'orbitale non viene inclusa
                  2) la qualità del file è importante non un accessorio di secondo piano, meglio quindi un RAW al JPG in caso sia necessaria una post produzione. Soprattutto è fondamentale utilizzare la ripresa non in automatico ma in manuale, dove dovrai avere tutti i parametri fotografici: di tempi, diaframmi profilo colore fissi. Se queste regole non vengono rispettate il risultato sarà scadente
                  3) Prima di fare "digerire" il set di fotografie al software è consentito una post produzione per eventuali modifiche (togliere un riflesso) o di esposizione, o di colore ma in modo da uniformare al massimo il pacchetto foto.

                  La mia prima esperienza di 3d è stato un monumento in esterno ma è ancora piu' complicato che fare gli oggetti in un set perchè devi scontornare, di tutte le foto, il background....
                  .Risultato ?: insufficente

                  Comment


                  • #10
                    Grazie per i consigli. Ho capito che bisogna sperimentare sempre e non fermarsi ai primi ostacoli.

                    Comment


                    • #11
                      Originally posted by satellitepro View Post
                      Buongiorno, sempre riguardo al progetto del globo terrestre ho programmato la riprese, dei tre elementi che lo costituiscono, in modo separato.
                      Smonterò, e fotograferò, il globo nelle tre parti essenziali cioè il globo, il meridiano (l'anello di ottone che lo regge) e la culla di legno che racchiude il tutto.
                      Ma mi è venuto un dubbio: come faccio ad unire i tre modelli texturizzati per creare un oggetto unico?
                      Chiedo scusa, mi era scappato il followup. Si puo' creare un modello unico automaticamente, usando opportunamente il masking e e poi i punti di controllo per unire gli spazi di lavoro,o in alternativa e' possibile generare le 3 mesh con texture in 3 spazi di lavoro e poi procedere alla fusione e pulizia in software tipo blende.

                      Originally posted by paolo View Post
                      Ho seguito diversi tutorial che trovi su You tube per ottenere il 3D di oggetti che stai facendo. Sono legati a un software che non cito qui in pubblico, ma i consigli credo valgano universalmente a ogni programma che usi. In sintesi quelli che ricordo sono questi:
                      1) una orbitale è meglio affiancarla a una seconda ripresa dall'alto con un certo grado di inquadartura per prendere anche, diciamo la parte alta dell'oggetto che con l'orbitale non viene inclusa
                      2) la qualità del file è importante non un accessorio di secondo piano, meglio quindi un RAW al JPG in caso sia necessaria una post produzione. Soprattutto è fondamentale utilizzare la ripresa non in automatico ma in manuale, dove dovrai avere tutti i parametri fotografici: di tempi, diaframmi profilo colore fissi. Se queste regole non vengono rispettate il risultato sarà scadente
                      3) Prima di fare "digerire" il set di fotografie al software è consentito una post produzione per eventuali modifiche (togliere un riflesso) o di esposizione, o di colore ma in modo da uniformare al massimo il pacchetto foto.

                      La mia prima esperienza di 3d è stato un monumento in esterno ma è ancora piu' complicato che fare gli oggetti in un set perchè devi scontornare, di tutte le foto, il background....
                      .Risultato ?: insufficente
                      Mi permetto un paio di precisazioni: raw non e' automaticamente meglio di JPG, ma come giustamente dici tu il raw permette la possibilita' di fare post produzione, nel senso che e' possibile riconvertire le immagini cambiando l'esposizione. Tutto cio' che e' post produzione, inteso crop o modifica manuale delle immagini, invece e' assolutamente da evitare. A tal proposito per esmepio, il "togliere un riflesso" non va mai fatto toccando manualmente il contenuto della foto con photoshop o software simili. E' ovviamente invece possibile agire sui file raw con il software del produttore della camera.

                      I monumenti in generale non hanno bisogno di masking in realta', dato che il soggetto rimane fermo. In tal caso basta fare un numero adeguato di fotografie con overlap e qualita' sufficienti per ottenere ottimi modelli. Il masking e' principalmente usato quando soggetto e sfondo non sono piu' coerenti (esempio, piatto rotante)

                      Comment

                      Working...
                      X