Tutorial #A03 : Unire più spazi di lavoro

Unire più spazi di lavoro

 

Benvenuti alla serie di tutorial dedicati a 3DF Zephyr.
Con questo tutorial imparerai come unire più spazi di lavoro in 3DF Zephyr.
Questo tutorial può essere seguito solo con la versione Pro di 3DF Zephyr (1.100 o successive).

 

  • Introduzione

Capita spesso di dover suddividere un intero dataset fotografico in più parti, ad esempio a causa del considerevole peso dello stesso. A partire dalla versione 3DF Zephyr 1.09 è possibile sfruttare il nuovo strumento import workspace, che permette di unire file .zep differenti in un unico spazio di lavoro.

Per ottimizzare la procedura è consigliabile generare solo la nuvola sparsa all’interno dei progetti coinvolti, prima di procedere con l’unione. Una volta completata quest’ultima sarà possibile procedere con le successive fasi della ricostruzione 3D.
Le fotografie dei diversi progetti dovranno condividere una zona comune così da poter procedere all’unione attraverso:
le fotografie vicine (solo in Zephyr Aerial): cliccando su Importa > Importa e unisci un altro spazio di lavoro si aprirà la finestra di importazione in cui basta selezionare il progetto che si desidera unire e cliccare sul pulsante Importa. Se non è stato posizionato alcun punto di controllo il processo guiderà automaticamente sul metodo Usa le camere vicine.
i punti di controllo: cliccando su File > Importa e unisci progetti da file zep si aprirà la finestra di importazione. E’ necessario aver posizionato su ciascuna delle nuvole dei progetti coinvolti almeno tre punti di controllo prima di procedere con questo metodo. I punti di controllo dovranno avere la medesima posizione e lo stesso nome per permettere a Zephyr di trovare le corrispondenze tra loro e procedere all’unione. L’operazione è completamente guidata, e si consiglia di mantenere attiva l’opzione Calcola Bundle Adjustment nell’ultima finestra, così da ottimizzare ulteriormente l’unione. Questo tutorial riguarda esattamente questo caso.

download dataset Download 3DF Zephyr Tutorial – Dataset – Workspace Merge (199MB)

 

  • Passo 1 – Posizionamento dei punti di controllo

Innanzitutto è necessario aggiungere almeno 3 punti di controllo sulla nuvola densa prima di avviare il processo di unione (controlla il Tutorial #2 per qualsiasi dubbio). I punti di controllo devono mantenere lo stesso nome e la stessa posizione in entrambi gli spazi di lavoro interessati, pertanto nel suddividere il dataset fotografico in più parti si deve considerare un’area comune che sia presente in entrambi gli spazi di lavoro.
Questo tutorial è pensato principalmente per lavorare su nuvole di punti dense e non su mesh.
In questo particolare caso l’obiettivo è unire due spazi di lavoro contenenti ciascuno un lato di un edificio.
Dopo aver ottenuto le nuvole di punti dense in entrambi gli spazi di lavoro – ciascuna dotata di almeno 3 punti di controllo – è possibile scegliere uno qualunque degli spazi e cliccare su “Importa” (1), e poi su “Importa e unisci un altro spazio di lavoro” (2).

 

  •  Passo 2 – Caricamento dello spazio di lavoro

All’interno della finestra di caricamento cliccare su “Sfoglia” così da poter selezionare il percorso del file dello spazio di lavoro interessato. Scegli il metodo di fusione fra “Utilizza punti di controllo”, “Usa Camere Vicine” o “Stesso sistema di riferimento”. Abilita la checkbox “Unisci i punti di controllo anonimi”  se vuoi un riconoscimento automatico delle coppie di nomi dei punti di controllo.
Dopo aver impostato il percorso, cliccare sul tasto “Importa” (3).

 

  • Passo 3 – Impostazioni di unione

Come si può notare, 3DF Zephyr ricerca in modo automatico le corrispondenze per ciascun punto di controllo presente in entrambi gli spazi di lavoro, riportandole in un elenco (6).
Al fine di ottenere un miglior risultato, si dovrebbe mantenere attiva l’opzione “Run bundle adjustment” (7). Senza di essa 3DF Zephyr avvia un processo molto più veloce, ma restituisce un allineamento meno performante.
Clicca sul pulsante “Align” (8) per iniziare la procedura.

 

  • Passo 4 – Unione manuale delle nuvole di punti dense (facoltativo)

Dopo aver terminato il processo di allineamento, è possibile unire manualmente le due nuvole di punti dense selezionandole entrambe (ctrl + tasto sinistro del mouse) (7) e cliccando con il tasto destro del mouse. Selezionare quindi l’opzione “Unisci” (8).
Da qui in poi è infine possibile avviare il processo di costruzione della mesh.

 

Nel prossimo tutorial vedremo come utilizzare 3DF Masquerade, lo strumento per mascherare le immagini. Clicca qui per procedere al tutorial successivo.